lunedì 28 aprile 2014

Crostini neri toscani

Ho deciso: questo mese niente ricette per l' MTC.
Perché? Ma perché il 25 di questo mese si sposa mia figlia e non avrò né il tempo, né la testa per stare dietro al blog!
.....

Il 25 aprile è passato, il matrimonio è stato bellissimo, il tempo splendido e tutto è andato per il meglio con grandissima soddisfazione degli sposi e degli ospiti.

Ieri, domenica 27, mi è cominciato a ronzare per la testa il tarlo che mi incitava a pensare che però forse qualcosina per l'MTC con il quinto quarto potrei anche provare a farla!
No, continuo a pensare, non c'è tempo; il regolamento dice che la sfida scade martedì 28 ed oggi è troppo tardi! Inoltre il lunedì il mio macellaio di fiducia è chiuso.
Un momento... il 28 è oggi ed è lunedì; la scadenza allora sarà il 28 (lunedì) o martedì (29)? Non lo so, però decido di farmi una passeggiata e di passare davanti alla macelleria. E' aperta. Entro. Chiedo se ha dei fegatini di pollo. No, però potrebbe farmeli avere fra un paio di giorni. Non faccio in tempo...
Caparbiamente decido di prendere un pollo intero e di recuperare le interiora. Il quantitativo è modesto, ma il macellaio mi viene incontro e mi svuota la pancia di un altro pollo e me l'aggiunge (gratis) a quello che avevo.
Ottengo quindi le interiora di 2 polli, che il macellaio mi pulisce accuratamente, per un peso di circa 280 grammi (più che abbondante per 2 sole persone).



Ed eccomi, nonostante tutto, alle prese con l'MTC anche questo mese!

Dato il pochissimo tempo a disposizione, decido di fare una ricetta semplice ma gustosissima che ho visto fare in Toscana da mia suocera: i crostini neri fatti con le interiora del pollo. Purtroppo mia suocera, ottima cuoca, se ne è andata troppo presto ed il ricordo dei suoi manicaretti si fa sempre più lontano.
Vado a memoria facendomi aiutare anche da mia moglie, che però non può essermi di grande aiuto perché da giovane si occupava poco di cucina (c'era la mamma che faceva tutto).

Questi gli ingredienti che ho usato:
  • le interiora di due polli (fegato, cuore, fagioli -cioè i testicoli-, stomaco, ecc.)
  • mezza cipolla
  • 4 foglie di salvia
  • 4 acciughe sott'olio
  • un cucchiaio colmo di capperi sotto sale
  • mezzo bicchiere di vino rosso (chianti)
  • olio evo, sale e pepe
  • pane casareccio sciapo

Preparazione
La carne era già stata pulita dal macellaio, ma io ho finito di condizionarla eliminando il grasso rimasto attorno alle viscere, il sangue rappreso intorno al cuore e le parti più dure dello stomaco. La lavo quindi accuratamente per poi asciugarla e metterla da parte.

Nel frattempo taglio a fette sottili la cipolla e la metto a rosolare in padella con un po' di olio extravergine. Quando la cipolla comincia ad imbiondirsi aggiungo le foglie di salvia spezzettate a mano.


A questo punto aggiungo le interiora di pollo già ridotte a pezzetti grossolani e le lascio cuocere dapprima a fuoco vivace  e poi, dopo alcuni minuti, a fiamma medio bassa.
Quando il colore della carne comincia a virare dal rosso al grigio, aggiungo un po' di sale, il pepe e poi, dopo aver girato bene tutto, il vino rosso.
Lascio sfumare a fuoco medio per qualche minuto, quindi spengo il gas e trasferisco la carne su un tagliere per ridurla a pezzettini molto minuti.




Nella padella con il condimento saporitissimo lasciato dalla carne aggiungo le acciughe sgocciolate dall'olio ed i capperi ben dissalati e tritati grossolanamente.
Quando le acciughe si sono disfatte rimetto la carne in padella e la finisco di cuocere a fuoco moderato finché risulti bene insaporita.



Quando il composto è diventato piuttosto denso, lo tolgo dal fuoco per poi metterlo in una ciotola.

Nel frattempo abbrustolisco il pane sciapo (si può mettere sotto il grill del forno, ma io ho usato il tostapane).
Taglio le fette a metà e poi ci spalmo sopra l'impasto di carne.



I crostini sono pronti, l'impasto è saporitissimo, ma forse, avendo lavorato la carne con il tagliere invece che con la mezzaluna (che non ho), è rimasto leggermente grossolano.
In ogni caso questi crostini neri, anche se avevano qualche grumo un po' troppo grossetto, sono stati tutti mangiati con grandissima soddisfazione.

In Toscana usano spesso bagnare il pane nel brodo di carne prima di coprirli con l'impasto. Io invece i crostini li preferisco 'scrocchiarelli'.

Ed anche questo mese partecipo all'MTChallenge (sfida n.38)






60 commenti:

  1. Congratulazioniiiiii .. che bello deve essere veder sposare la propria figlia!!! :-DDDD Veniamo al dunque invece della ricetta.. Mipiace damorire!! non so che darei epr agguantare un crostino.. :-) buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Claudia. Per me è stata una grande gioia perché ho visto mia figlia molto contenta di tutto. La ricetta, fatta molto velocemente, è piaciuta tanto anche a me!

      Elimina
  2. Che bellezza, immagino la vostra gioia!! E sai che i crostini con il patè sono l'unico piatto a base di interiora che mangio? Sono buonissimi!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono poco amante del quinto quarto, però questi crostini sono veramente buoni!

      Elimina
  3. Io sono qui che rido mentre ti leggo perché all'MTC non si può proprio resistere!!
    Io volevo desistere per un motivo molto meno nobile del tuo, semplicemente per una naturale avversione al quinto quarto, ma poi il fegato mi è venuto in aiuto e mi sono lanciata! E ora che la figlia è sposata non hai che da rilassarti e cucinare ancora per noi :-)
    Un abbraccio, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, io comincio a pensare che l'MTC sia una specie di malattia. Questo mese avevo veramente deciso di saltare l'appuntamento (per la prima volta da quando ho cominciato) e invece oggi non ho saputo resistere...!

      Elimina
  4. Come sempre una ottima e gustosa riccettina,da provare anche per uno come me,poco amante delle carni.
    Un augurio di tanta felicità agli sposi.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, questi crostini sono veramente sfiziosi! Grazie per gli auguri!

      Elimina
  5. anch'io sono per lo scroccariello e questi tuoi crostini last minute la dicono lunga su quanto si possa riuscire fare pur di non perdersi neanche un MTC, bravissimo Andrea, nonostante gli impegni e grazie l macellaio compiacente ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi aiutava il macellaio (che sa delle mie manie blogghesche) stavolta, ridotto all'ultimo giorno, avrei saltato l'appuntamento. E invece questi crostini last minute sono stati una grossa scommessa vinta (con me stesso)! Un abbraccio

      Elimina
  6. In bocca al lupo per le tue sfide e ..questi tuoi crostini Andrea mio ..sanno di buono, di appetito ...beh..buona cena a tutti voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella! Era un secolo che non mangiavo i crostini neri e averli fatti dopo così tanto tempo mi ha dato una grande soddisfazione!

      Elimina
  7. Uuuugh, per la prima volta un tuo piatto non mi piace :(
    Però auguri agli sposi!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, finalmente ho trovato qualcosa che non ti piace! Ma almeno li hai mai provati? Anche a me il fegato piace poco e le interiora ancora meno; ma questi crostini sono saporitissimi e mi fanno impazzire! Grazie per gli auguri, li ho visti molto felici!

      Elimina
  8. Congratulazioni ai novelli sposi!!! Davvero ottimi questo crostini toscani...bravo Andrea!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, che piacere risentirti! I novelli sposi erano felicissimi e la festa è andata come meglio non si poteva sperare. Un caro abbraccio

      Elimina
  9. complimenti per questo piatto e tanti auguri agli sposini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Linda per gli auguri graditissimi!

      Elimina
  10. io li adoro questi crostini, mi fanno impazzire! Ma non ci devo pensare che sono fatti con le interiora sennò....brrr...e chi li mangerebbe? Il mio palato è intelligente ma la testa mi gioca brutti scherzi!!! Allora un bel matrimonio? Sono contenta! Ma dai pubblica qualche foto, allora!!! Un abbraccio Andrea e ancora auguri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il matrimonio è andato veramente più che bene. Io pensavo di crollare e invece sono stato benissimo e mi sono divertito un mondo con gli amici dello sposo che sono tutti un po' mattarelli! Qualche foto forse la pubblicherò. Un abbraccio

      Elimina
  11. Molto bene per gli sposi sono proprio contenta (dai mettici solo una piccola foto della tua bambina eh????)....i tuoi crostoni sono sicuramente gustosi ...bravo come sempre ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia! Sì, mi sa che qualche foto la metterò! Un abbraccione

      Elimina
  12. Ecco un piatto con le frattaglie che mangerei volentieri! Sono ghiotta di fegatini di pollo e,quuando glieli chiedo, il mio macellaio è ben contento di regalarmeli...qui mi sa che i crostini li preparo solo io :-)
    Complimenti ed in bocca la lupo, ma sprattutto, congratulazioni a tua figlia ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimi! Anche il mio macellaio non ha fatto problemi nel darmi un po' di frattaglie in più. E meno male, così ho potuto preparare questo piatto con le giuste quantità. Grazie per la belle parole e a presto!

      Elimina
  13. Buonissimi questi crostini, cosa si perde chi non amale frattaglie!
    Congratulazione per tuo figlia, immagino la tua felicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, la giornata di festa è passata con grande gioia. E finalmente sono tornato a frequentare il blog che in questi giorni avevo molto trascurato. Un abbraccio

      Elimina
  14. Bella ricetta bravo a me piacciono le interiora meno quelle del pollo forse perchè non amo il pollo. Ho assaggiato i famosi crostini toscani proprio li, buoni ed i tuoi nulla da inviadiare.
    Mi permetto di darti un suggerimento. Se usi un coltella grande dalla lama larga lo puoi usar come un mezzaluna mi spiego. Tieni con la sinistra la punta fermando il coltello sul tagliere deve rimanere fermo e con la mano destra vai su e giu su quanto devi sminuzzare pratimanente non taglio diritto ma vai da te verso l'esterno facendo una mezza curva. Poi ricomponi quanto da sminuzzare e rifai la stessa cosa. E' difficile da spiegare. Ho trovato un video non ha importanza la lezione di come si taglia la cipolla ma come usa il coltello dopo l'operazione viene chiamata "battuto" e si può fare con tutto. Te lo metto solo per farti vedere quanto ti ho spiegato. Spero di esserti stata utile e mi scuso se mi sono permessa.
    https://www.youtube.com/watch?v=FTeorCN6Fhw

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. Dimenticavo auguri infiniti per tua figlia che la vita di coppia le sorrida sempre.

      Elimina
    2. Cara Edvige, ti ringrazio tantissimo sia per i consigli, sia per gli auguri! Io ho aperto un blog non tanto per condividere le mie modestissime ricette, ma per imparare da chi è più esperto di me. Per me sei stata molto preziosa. Grazie e a presto

      Elimina
  15. Complimenti per la determinazione, per il recupero della ricetta di famiglia che poi con quelle tosche si va sempre bene e grazie per il suggerimento del brodo che non conoscevo e che invece a me fa piacere, elimina quella sensazione di asciutto tra farcia e fetta di pane. Ma soprattutto auguri agli sposi! E' la prima volta che sento di un matrimonio il 25 aprile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A casa di mia moglie i crostini neri venivano serviti sia zuppati nel brodo, sia secchi abbrustoliti sulla brace. Io preferivo questi ultimi, mio suocero i primi: questione di gusti! Non so se sposarsi il giorno della liberazione vorrà dire qualche cosa; gli sposini hanno scelto questa data perché gli altri giorni c'erano vari tipi di impedimento; e meno male che hanno scelto questo giorno perché il tempo è stato splendido, a differenza dei giorni precedenti o successivi.

      Elimina
  16. Sono felicissima per tua figlia e suo marito!! Gli auguro di cuore una vita meravigliosa e piena d'amore! Venendo alla tua ricetta...perdonami ma non avrei potuto assaggiare...io non ho mai cucinato e mangiato frattaglie (il fegato alla veneziana e un paio di volte la trippa, da bambina, quando era difficile decidere da soli), nemmeno prima del vegetarianesimo, figurati adesso! Mi congratulo per la tua voglia di partecipare, anche per il rotto della cuffia!! Un bacione e auguri anche a te e tua moglie, tornati ad essere sposini anche voi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ros, volevo lasciare un commento sul tuo risotto con zucchine e robiola, ma non riesco a inviarlo; cioè, io clicco su 'invia', ma rimane sempre lì! Grazie per gli auguri e a presto!

      Elimina
  17. Anche se con notevole ritardo volevo lasciarti i miei più cari auguri per la tua figliola e i complimenti per questi squisitissimi crostini!!!
    Un caro abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di tutto cara Carmen! A presto

      Elimina
  18. Ancora tanti auguri per tua figlia. :D
    Hai fatto bene a ripesarci e presentare una ricetta, questo piatto è davvero molto interessante e geniale ;)
    ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Audrey! Nonostante tutto, non me la sono sentita di rinunciare ed ho fatto all'ultimo momento quello che mi era possibile. Ciao

      Elimina
  19. Che bravo!!! alla fine ci sei riuscito!! sarà un piatto semplice ma a me sembrava di sentire il profumo da qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo! Semplice non è sinonimo di cattivo, anzi... quasi sempre i piatti semplici sono anche i più buoni! Un caro abbraccio

      Elimina
  20. Intanto, mille auguri per la figliola e il genero- e se lei è brava in cucina la metà di quello ch lo è suo padre, prevedo un matrimonio ancora più ricco di soddisfazioni!
    Senti, tu sei un irriducibile: poco fa leggevo il post di Leo- Cozzaman, ambientato al tempo delle Termopili e ti dico che tu a Leonida gli fai un baffo...comprarti il pollo per recuperare i fegatini, dopo lo stress da matrimonio... un mito! e un mito anche il tuo macellaio: ci credi che la Patti non ha potuto partecipare perchè non ha trovato macellai compiacenti, disposti a recuperarle gli ingredienti che le servivano per realizzare il suo piatto? e non erano nulla di così astruso...
    Grande proposta, di cui naturalmente esistono tante versioni, come capita sempre con le ricette di tradizione: a leggere gli ingredienti, però, sembra davvero spettacolare. La proverò, visto che i crostini neri sono irresistibili, se ben fatti e questi lo sono. Detto anche da una che si ostina a non avere la mezzaluna.. Bravissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Ah, io meglio di Leonida alle Termopili, non ci posso credere! Ma davvero la Patti non partecipa perché non ha trovato la materia prima? Quanto mi dispiace...!
      Cara Alessandra, i tuoi commenti mi riempiono sempre di gioia e grande soddisfazione. Dovremo trovare una buona occasione per conoscerci e scambiarci un forte affettuosissimo abbraccio. Grazie!

      Elimina
  21. Sei l'unico e dico l'unico che giustifico per aver postato l'ultimo giorno di gara!! :-)...mi sono sposata il 26: mese e giornata pazzeschi e sono contenta che sia andata bene anche a te. Più penso al fatto che tu abbia scelto di partecipare più mi sento onorata. Almeno hai scelto una ricetta di casa che avrà fatto felice tua moglie e forse le avrà alleviato anche un po' di malinconia: i miei figli son piccoli, sicuramente sarò felice quando se ne andranno per la loro strada definitivamente, ma credo un una piccola tristezza possa anche calare per un momento. Per tornare alla ricetta: grande! Questa è una delle versione che preferisco coi capperi e le acciughe e soprattutto tagliati al coltello: per fortuna che non avevi la mezzaluna! Quello che amo dei crostini toscani è il fatto che si senta la granulosità della preparazione...Per finire: un abbraccio al macellaio e alla sua intraprendenza e generosità! cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, non ci avevo pensato: postare una ricetta l'ultimo giorno utile rende la vita davvero dura a chi deve giudicare! Hai ragione, la pasta per i crostini la potevo passare al frullatore, ma secondo me è molto meglio lasciarla piuttosto grossolana, così da poter sentire i pezzetti di carne sotto i denti. Sono contento che questa ricetta di tradizione che ho interpretato basandomi su ricordi lontani ti sia piaciuta. E per fortuna che ho un macellaio splendido! Grazie Cristiana

      Elimina
  22. Mi sto facendo una cultura, con il quinto quarto.
    E secondo me, anche se sei andato a memoria, sei andato alla grande, con questo impasto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaia! Forse non erano esattamente quelli che faceva mia suocera, però sono venuti buonissimi!

      Elimina
  23. Congratulazioni per tua figlia e mille auguri a lei di ogni felicità!!!
    Per ciò che riguarda i crostini sono davvero simili ai miei , che vengono dalla mia nonna paterna, che mai e poi mai sarebbe stata lavorata se non al coltello e che adora tutta la mia famiglia e !!!!! Grazie di aver partecipato nonostante gli impegni anche "emotivi"
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mese pensavo proprio di non farcela, ma non tanto per i mille piccoli impegni legati all'evento, quanto piuttosto per la testa che è rivolta da tutt'altra parte! E invece, passata la festa, sono riuscito a riprendere un minimo di lucidità. E partecipare anche questo mese a questa gara così avvincente è stato per me un grande piacere! Un caro abbraccio

      Elimina
  24. Io c'ero e garantisco che è stata una bellissima festa per una bellissima coppia e, ovviamente, con un ottimo buffet!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina! Io sono parte interessata ed è logico che il mio giudizio sulla festa sia positivo. Però la tua testimonianza mi conferma che la giornata è piaciuta anche agli ospiti. Siamo stati anche molto fortunati con il tempo: sole, temperatura gradevolissima e niente pioggia! Non potevamo sperare di meglio!

      Elimina
  25. Incredibilmente è stata l'unica giornata senza pioggia.

    RispondiElimina
  26. Che bello viva gli sposi allora !!! Ed e' bello che tu sia riuscito a partecipare anche mese. Anche io ero messa male con i tempi ma poi grazie all'aiuto della suocera ce l'ho fatta. Buonissimi immagino i tuoi crostini toscani che io adoro
    Un abbraccio Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo mese ce l'ho fatta, nonostante tutto! E il risultato non è stato niente male, anche se ho preparato tutto di fretta! Baci

      Elimina
  27. ma tu lo sai che io e te abbiamo fatto i crostini neri toscani per l'MTC?
    io con una versione diversa, piccoli particolari diversi... ogni famiglia ha la sua ricetta, mia nonna metteva per esempio il vinsanto e non il vino....
    bellissima la tua versione e anche io li preferisco croccanti!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena visto la tua ricetta e le somiglianze sono tante! Ma io non sono neanche sicuro di averli fatti proprio come li faceva mia suocera... forse lei li faceva esattamente come li hai fatti tu, salvo il vinsanto che lo usava quasi esclusivamente con i dolci.

      Elimina
  28. Caro Andrea, devo confessarti una cosa. Nel mio archivio blog ho la ricetta dei crostini neri mai postata. Avrei sicuramente potuto usarla perchè per altro è splendida e datami da una signora fiorentina novantenne e meravigliosa. Ma nella mia testa c'era una ricetta ed una sola che avrei voluto fare: il Cibreo. Che prevede interiora di pollo, ma anche le creste. Che non sono riuscita a trovare. Sono partita il 19 e tornata il 26. Nel mezzo pasqua e ponti e alla fine la mia testardaggine ha finito col farmi rinunciare. Con mio rammarico. Ma tu hai fatto benissimo: è stata una sfida favolosa e pazzesca e mi dispiace troppo averla persa. Un abbraccio Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi credere quanto mi dispiaccia di non poterti vedere tra i concorrenti dell'MTC, tanto più che il cibreo non l'ho mai assaggiato e non so neanche come si faccia. A questo punto però sono curioso di sapere come li fai tu i tuoi crostini neri toscani! Io sono andato a memoria, ma di tempo ne è passato parecchio e forse qualche particolare non lo ho rispettato. Ti aspetto il prossimo mese, intanto ricevi un abbraccio affettuosissimo! Andrea

      Elimina
  29. Anch'io faccio dei crostini ( più spesso tartine) coi fegatini di pollo. Non alla maniera toscana ma come li faceva mia mamma. Ed è il solo modo in cui mangio il fegato che altrimenti detesto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Epperò adesso mi devi dire come li faceva tua mamma! Comunque, anche se non ti piace il fegato, io credo che questi crostini neri li mangeresti volentieri.
      p.s. ti segnalo che i tuoi commenti (sempre molto graditi) mi arrivano replicati chissà quante volte (ma io provvedo a cancellarli): l'altra volta ce n'erano ben 7 tutti uguali, adesso 3! Forse pigi "invia" troppe volte di seguito, o non so! Ciao

      Elimina
  30. Le mie tartine coi fegatini le hai assaggiate a capodanno.

    Il fatto dei messaggi avviene quando posto col cellulare. Ma cercherò di fare attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ed erano pure buone! Mi ricordo di averne mangiate un bel po'!

      Elimina