mercoledì 26 giugno 2013

Filetti di tonno con cipolle di Tropea

Ancora non ci credo, ma ho mangiato le cipolle!
Chi mi conosce sa bene che non ho mai sopportato il loro sapore e quando proprio le dovevo usare, ad esempio per fare un sugo saporito, ho sempre cercato di camuffarne il sapore tagliandole molto finemente e sciogliendole nell'olio ben caldo insieme a un'abbondante spolverata di sale che ne smorzasse la forza.
Per questo devo ringraziare Alessandro, il cugino di mia moglie, che ospitandoci a casa sua in Toscana ci ha proposto per pranzo questo piatto.
All'inizio ho avuto grossissime perplessità mentre  lo vedevo tagliare un numero spropositato di cipolle, ma alla prova assaggio ho scoperto che le cipolle di Tropea sono veramente tutt'altra cosa rispetto a quelle comuni.

Tornato a casa ho voluto provare a ripetere la ricetta che ho visto fare. La preparazione è molto semplice.

Per 2 persone servono:
4-6 cipolle rosse di Tropea (dipende dalla grandezza)
5-6 filetti di acciughe sott'olio (anche più, se piacciono)
1-2 cucchiai di capperi dissalati
2 filetti di tonno (i miei erano surgelati)
olio extravergine di oliva




Preparazione



Pulisco le cipolle togliendo le brattee esterne, che sono più coriacee; poi le taglio a metà e quindi a fettine molto sottili.




In una padella unta con un poco di olio extravergine metto 5-6 filetti d'acciuga sott'olio e poi un paio di cucchiai (scarsi) di capperi ben dissalati (ma si possono usare anche quelli in salamoia). Dopo qualche minuto, quando i filetti d'acciuga si sono disfatti, aggiungo le cipolle che lascio cuocere a fiamma media tenendole coperte e girando di tanto in tanto.



Quando le cipolle si sono ammorbidite e cominciano ad imbiondirsi (dopo circa 15-20 minuti), aggiungo i filetti di tonno. I miei filetti erano surgelati e li ho messi in padella ancora ghiacciati. Ho coperto la padella e lasciato cuocere inizialmente a fiamma medio alta; poi, quando si sono completamente scongelati, ho abbassato un po' il fuoco e li ho fatti cuocere per un altro quarto d'ora circa.



A cottura ultimata trasferisco i filetti su un piatto di portata e li guarnisco coprendoli con queste dolcissime e saporitissime cipolle di Tropea.


Grazie Alessandro per avermi 'costretto' a fare questa incredibile piacevolissima scoperta!




51 commenti:

  1. Ciao Andrea! le cipolle a me piacciono tanto, però è vero quelle di tropea sono un'altra cosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma evidentemente ora che sto diventando grande comincio a cambiare anche i gusti, ah ah ah!

      Elimina
    2. provate allora le CIPOLLE DI GIARRATANA che in quanto a dolcezza e delicatezza non hanno eguali. Colgo l'occasione per invitarvi alla 35a edizione della Sagra della Cipolla di Giarratana, che si terrà il 14 Agosto nello splendido scenario barocco della "Perla degli Iblei".....i vostri sensi rimarranno ammaliati da quei sapori!

      Elimina
  2. Io invece la cipolla la adoro! E sicuramente apprezzerei questo piatto!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non credevo a me stesso, se ce n'erano di più ne avrei mangiate ancora!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Anche per me è stata una inaspettata e piacevolissima sorpresa!

      Elimina
  4. Ciao Andrea adoro la cipolla di Tropea, la metterei ovunque e con il tonno sta proprio bene ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero molto prevenuto, ma dopo il primo assaggio ne ho mangiate ancora e ancora! Un abbraccio

      Elimina
  5. convengo con te Andrea, anch'io camnuffo sempre il loro sapore ma questo tipo di cipolle è molto versatile epoco prepotente nei piatti!
    Buonissima la versione che hai riproposto tu!
    Unabbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella! Ecco, hai usato la parola che cercavo: sapore prepotente! Non così si può dire per le cipolle di Tropea che, dico la verità, ho mangiato ora per la prima volta!

      Elimina
    2. Andrea, vedo che molte persone hanno apprezzato e soprattutto sono contento di averti fatto mangiare una cosa che a dir poco detestavi! Continuerò in questa ricerca di .... cibi a te sconosciuti e cercherò di farti avvicinare a loro con discrezione!! Al prossimo piatto! Alessandro

      Elimina
    3. Caro Alessandro, adesso non esageriamo...! Non vorrai mica farmi mangiare broccoli, pulezze o altre diavolerie simili (e puzzolenti)? Quelli proprio no! Ti abbraccio

      Elimina
  6. Ciao Andrea, adoro le cipolle e questo piatto lo trovo particolarmente invitante, ottima ricetta!!! Complimenti a te a ad Alessandro!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, io non posso dire altrettanto, ma fatte in questo modo il sapore della cipolla praticamente sparisce per fondersi in un insieme gradevolissimo di aromi! Un bacio

      Elimina
  7. E bravo Alessandro che ti ha fatto cambiare idea! Sai, anche io non sono molto amante delle cipolle... però impazzisco per la marmellata di cipolle rosse di Tropea! In effetti questa è una qualità molto più delicata e dolce! Il tuo piatto è davvero invitante, complimenti :) Un abbraccio e buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ora devo mangiare anche la marmellata di cipolle??? ah ah ah!
      Sì, sono prevenuto, ma sono anche tanto curioso. Se dopo il primo assaggio una cosa la trovo gradevole, me la mangio! Baci

      Elimina
  8. anche io cerco di camuffare il sapore della cipolla e in effetti non ho mai utilizzato quella di tropea proprio perché cerco di evitarla in generale. Questo piatto però mi sembra molto invitante quindi credo che farò un tentativo di assaggio anche io!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Linda, anch'io dicevo così: anche se di Tropea è sempre una cipolla e quindi niente! Poi quel 'farabutto' di Alessandro me le ha propinate per pranzo e sono stato costretto ad assaggiarle. Ebbene ho chiesto il bis.
      Provale: sono facilissime da preparare e ne vale la pena (e le ho pure digerite benissimo)! Ti abbraccio

      Elimina
  9. ciao Andrea , le cipolle di Tropea sono buonissime ! Ma sai che si possono mangiare anche crude affettate molto sottili ,con l'insalata di pomodoro ! certo però che per chi non ama le cipolle capisco che non sia il massimo !
    Il piatto che hai preparato è buonissimo !!!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, preparate così mi sono piaciute molto, ma credo che crude non sia la stessa cosa! Però non è detto che forse un giorno proverò ad assaggiarle come dici tu. Un abbraccio

      Elimina
  10. Andrea.....la mia calabria nel piatto...buonissimo ed invitante...un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che a Casalotti, il quartiere dove abito alla periferia di Roma, una settimana all'anno fanno la festa della Calabria con vendita delle migliori specialità culinarie (e non solo) della Regione? In questa occasione, cipolle rosse a volontà! Un abbraccio

      Elimina
  11. io adoro queste cipolle e mi faccio delle bellissime insalatone!!!comunque andrea devi cambiare nome al blog ormai sei troppppo bravo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinzia, sei sempre carinissima e i tuoi complimenti mi fanno tanto piacere. Il nome del blog penso che non lo cambierò: se io comincio a diventare un po' più bravino (ma solo un po') ci sono ancora tantissime persone che con i fornelli non hanno un buon rapporto! Ecco, il mio blog è rivolto proprio a loro! Un caro abbraccio

      Elimina
  12. Ciao Andrea

    In questi giorni sto portando a termine un lavoro che mi ha tenuto un po' impegnato e, finalmente, avrò più tempo da dedicare alle mille cose che ho in sospeso (una fra queste, il consolidamento del mio rapporto di amicizia con i fornelli). Quindi... passerò spesso da queste parti.

    Interessante questa cosa delle cipolle di Tropea, da memorizzare e tenere presente; e poi questa ricetta sembra proprio alla mia portata!

    Un caro saluto e buona giornata :)
    Flavio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flavio, mi fa piacere risentirti! Spero che i tuoi impegni diventino meno pressanti e che tu possa riuscire a portarli positivamente a termine.
      Penso che questa ricetta sia particolarmente indicata a chi non ha una grossa dimestichezza con i fornelli. L'unica cosa un po' impegnativa (si fa per dire) è tagliare le cipolle fine fine (ma tanto se vengono un po' più grosse vanno bene lo stesso). Il resto è semplicissimo! Come si dice: provare per credere!

      Elimina
  13. A dirti la verità a me le cipolle piacciono tantissimo e da brava toscana ne mangerei anche crude, se non fosse che rimangono un po', ehm, come dire, pesantucce ecco!!! Quelle di Tropea poi sono qualcosa di veramente speciale e sono contenta che tu abbia superato la tua diffidenza e le abbia assaggiate :)
    Il piatto tra l'altro merita un sacco!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che voi toscani le cipolle le infilate da tutte le parti, però si sente subito da lontano se qualcuno le ha mangiate! Queste qui, che effettivamente sono proprio dolci (e io non ci credevo), le ho digerite benissimo e l'alito non ne ha risentito affatto. Ciao

      Elimina
  14. Mio marito adora sia le cipolle che il pesce, sicuramente gli replicherò questo bellissimo piatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora puoi stare sicura di farlo felice; se poi il tonno è fresco e non surgelato come il mio il godimento potrebbe aumentare parecchio! Un abbraccio

      Elimina
  15. Buonissimo il tonno cosi'!!!!!ricetta bomba!bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, non credevo che una ricetta così semplice e veloce potesse venire così buona! Un abbraccio

      Elimina
  16. Non faccio fatica a crederci, nemmeno io mangio cipolle, fatta eccezione per la Rossa della mia terra. Proprio qualche giorno fa in un post ho scritto questa cosa. E se vuoi addolcirla ancora di più ti basta spurgarla in acqua fredda prima di cuocerla. Il tonno preparato così è buonissimo, da farci la scarpetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre pensato che, anche se rossa e di Tropea, sempre cipolla era, quindi mai voluta mangiare! Ma invece ho scoperto che è veramente un'altra cosa: intanto quando la tagli non ti fa piangere, poi è proprio buona, si digerisce bene e l'alito non ne risente! Baci

      Elimina
  17. Adoro il tonno in tutte le sue versioni..questo è veramente invitante, bravo!
    Passa da me ti ho taggato
    http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2013/06/idee-insalate-2.html
    A presto
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara zia Consu, forse non sai che la mia cultura informatica è molto terra terra: se mi hai taggato mi devo preoccupare? ah ah ah!

      Elimina
  18. A me le cipolle piacciono come anche questa ricetta (poi adoro il fegato alla venexiana). Però questo w-e mi è successo esattamente lo stesso con la crostata! Beh, io non la mangiavo, poi una blogger mi ha invitato da lei e colpo di fulmine per la sua! Morbida la pasta e anziché la marmellata una purea di fichi... che mi sa che li metto pure insieme alle cipolle rosse! e faccio una brisée, vediamo che ne esce ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cipolle e fichi??? E' proprio vero che non ci sono limiti alla fantasia, e alla temerarietà!

      Elimina
  19. Non impazzisco per le cipolle, ma confesso che insaporiscono tantissimo e a volte la loro presenza è davvero indispensabile. Questa ricetta è un altro successo come sempre, Andrea! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le cipolle non le sopporto proprio e le uso rarissimamente con molta discrezione. Ma queste di Tropea non sembrano neanche cipolle: il sapore è completamente diverso e quando le tagli non ti fanno piangere!

      Elimina
  20. Ottimo io adoro le cipolle specialmente quelle di Tropea che sono più dolci e mi sono aggiunta un ometto pensionato come me ci vuole tra tante ...comari....ehehehehehe.
    Le cipolle di Tropea si prestano ad abbinamente particolari agro dolci o anche piccanti.Se non le trovo uso lo scalogno. Ma non sono mai senza le trito e conservo porzionato nel congelatore.
    Prova a farle come hai fatto qui ma senza aggiungere il tonno al suo posto pasta al dente corta e una spruzzata di aceto balsamico bianco, pepe evvaiiii. Ciaooo buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio blog cara Edvige e grazie per essere venuta a trovarmi! Questa è la prima volta che uso questo tipo di cipolle, ma penso anch'io che si prestano ad abbinamenti particolari. Intanto proverò a seguire il tuo suggerimento e a farle con la pasta. A presto

      Elimina
  21. Wow un abbinamento assolutamente da provare!!!
    il tonno fresco mi piace tantissimo e anche le cipolle rosse (nonostante mi rimangano indigeste talvolta).
    Ti volevo rispondere alla tua domanda sulle cialde del parmigiano!
    Non so bene cosa dirti in realtà ho sempre fatto le cialde senza grandi problemi. Le ho fatte con parmigiano, pecorino e provolone. Tu che formaggio hai usato?? Non saprei dirti se esistono dei segreti imprescindibili, posso dirti che la padella deve essere caldissima ma il fuoco non alto, sicuramente antiaderente. C'è chi per agevolarsi mette un po' di burro prima ma io non ne ho mai avuto bisogno. Lascio il formaggio sciogliersi per qualche minuto e controllo con una paletta il bordo. Quando si solleva senza danni la tolgo. Questo è quello che faccio :D fammi sapere quando ci riprovi!!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi risposto qui. Io ho usato parmigiano reggiano grattugiato, ma forse era ancora freddo e umido di frigorifero o la padella non ancora caldissima, ma se dici che non ci sono particolari segreti ci riproverò! Ciao

      Elimina
  22. Ciao Andrea,
    a differenza tua, io adoro le cipolle fresche nell'insalata perchè gli danno quel sapore in più (anche se crude le cipolle le scanso poi!!), ma cotte le divoro: al forno, nel sugo, al cartoccio sotto la brace.... che bontà....e questa che ci proponi per me è una vera prelibatezza da provare!!
    Mi segno la ricetta, dev'essere davvero buona!!
    Grazie !
    Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico la verità: invidio le persone che amano le cipolle: è' un ortaggio fresco e diuretico che fa bene all'organismo, ma a me non piace proprio! La rossa di Tropea cucinata così invece mi è piaciuta moltissimo, non mi sembrava nemmeno di mangiare cipolle. E poi si prepara facilissimamente in pochi minuti e senza piangere! Un abbraccio

      Elimina
  23. anche io non amo aglio e cipolla come La Mantia , ma quelle di Tropea sono tutta un'altra cosa, sfizioso questo piatto!
    buona estate
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così: io non ci credevo, ma dopo averle provate confermo che le cipolle di Tropea sono veramente un'altra cosa! Buona estate anche a te! ^_*

      Elimina
  24. Caspita Andrea, che piattini gustosi...
    Sei un uomo da sposare! :)

    RispondiElimina